sabato 25 dicembre 2010

sabato 27 novembre 2010

mercoledì 24 novembre 2010


Adoro la forza lenta e costante degli alberi,
quella delle loro radici che,anno dopo anno,
spaccano le rocce per crescere e formare
nuova materia: quel groviglio affascinante e
misterioso che spesso si ammira ai piedi
dei signori dei boschi.
E' una potenza grande e dignitosa e nobile,
eppure fragile,come tutte le meraviglie.
Può essere annientata facilmente.
A volte ciò che può annientare quella forza
viene scambiato per una forza più grande,
più potente.
Ma non è così.
Non è vero che la mano che può annientare ciò
che è nobile e bello è più potente,
spesso ha solo più potere.
E ciò che ha potere quasi sempre non è nè bello,
nè dignitoso,nè nobile.
E questo mi fa venire in mente molto altro.

martedì 16 novembre 2010

Il giardino

C'è uno strano giardino a nord del villaggio

A volte alcuni bambini si spingono fin lì a giocare


Dopotutto è un bel posto dove andare a passare il tempo

venerdì 12 novembre 2010

mercoledì 20 ottobre 2010



Ogni ossessione è giusto che sia coronata da un accadimento conclusivo che ne esalti la puntigliosità e l'insistente reiterazione nel tempo.
Ogni ossessione dovrebbe averla.
Spesso sento anche il mio accadimento dibattersi e cercare la via di manifestarsi:
tutte le innumerevoli facce di pietra,le foglioline,i tronchi,i muschi,le muffe,le ossa,le decomposizioni, le bizzarrie del mondo che ho collezionato dentro di me scuotersi in un tumulto e gridarmi di farle uscire,dargli alla fine una collocazione giusta,monumento degno e celebrativo delle nostre vite passate insieme,in simbiosi.
Così a lungo accarezzate e baciate,coltivate e gelosamente custodite mi interrogano silenziose per sapere se ci saranno opere che le celebreranno degnamente suggellandone l'importanza vitale.
Ed io rispondo:"si,si,abbiate pazienza,arriverà il sogno che ci farà dire fermati sei bello,arriverà il gioco che non farà a meno di nessun giocatore,che raccoglierà tutti ,tutti insieme nella rappresentazione teatrale"
Ma mentre dico questo le braccia mi si fanno stanche e la mente trova che tutto quello che riesce ad immaginare è sempre troppo poco.

lunedì 11 ottobre 2010

lunedì 27 settembre 2010

domenica 26 settembre 2010

lunedì 6 settembre 2010



Terra!
Luccica ed è ombrosa
posto dove addormentarsi e
fare sogni d'oro.

domenica 5 settembre 2010



Eccoli,i mostri,sono arrivati.
Senza avvertire,come spesso fanno
e senza nemmeno spiegare perchè.
Hanno portato il buio,
non quello bello della notte,
hanno portato il buio triste,
quello della stanchezza negativa
che non è generata dal fare,ma solo dalla paura.
E' la stanchezza peggiore.
Ma li voglio osservare bene questi mostri,
guardare i loro occhi sottili,la luce sinistra che ne esce,
Li voglio guardare bene,
così che anche il momento della stanchezza non sia totale,
perchè possa esserci una porta che lascia entrare una luce,
perchè osservarli bene vuol dire conoscerli,raccontarli,disegnarli,
magari male,magari solo come posso.
Conoscerli è sapere che senza avvertire arrivano,
così come senza avvertire se ne vanno.
Conoscerli è sapere che è molto meglio averli incontrati
piuttosto che no.

giovedì 19 agosto 2010

lunedì 9 agosto 2010





Nessun mostro,questa notte,verrà a baciarmi sulla fronte.
Perchè il mio mondo,questa notte,è popolato di meravigliose creature:
esseri mitici coraggiosi e buoni;
prometei perduti nel mare del tempo ed arrivati fino a me integri,moderni e bellissimi come nessuno ne ha mai visti eguali,rimangono impressi nei miei occhi in questa sera tranquilla,silenziosa e bella qui a Macerata.
Eppure anche se nessun mostro verrà, il peso che sento mi soffoca un pò e non so se piangere o ridere.
E' forse perchè la magnificienza ed il sublime,quando mi visitano,hanno sempre almeno una piccola lacrima sul viso estasiato. Solo così sono perfette.

Per tutte le anime belle,fantastiche creature,incontrate nel mio viaggio.

giovedì 29 luglio 2010

giovedì 15 luglio 2010

venerdì 18 giugno 2010

domenica 13 giugno 2010

giovedì 27 maggio 2010

venerdì 7 maggio 2010

Voglio raccontarti una storia,
anche se non credo che la starai a sentire.
Voglio raccontartela perchè non posso farne a meno,
anche quando so che non ascolterai.
Voglio farti vedere un pò del mio mondo,
anche se non credo che guarderai.
Voglio mostrartelo perchè non posso farne a meno,
anche se so che rivolgerai lo sguardo altrove.
Perchè nel mio viaggio percorro luoghi lontani
e meravigliosi,
sorprendenti,
e la sorpresa emoziona e stupisce
e non so come è possibile non vivere così,
senza una meraviglia ogni momento.
Le storie nel mio mondo sono tutte come piacciono a me
perchè sono io che le osservo
e i miei occhi guardandole
le trasportano verso il loro modo di vederle.
I giochi nel mio mondo sono infiniti,
il gioco più bello è guardare il mio mondo.
Il mio mondo è come quello degli altri,
gli stessi alberi le stesse case,
gli stessi oggetti,animali,pietre,acque,
legni,muri,immondizie,soli e lune.
ma il mio mondo è diverso perchè io lo vedo in maniera diversa.
Il mondo sotto ai miei occhi si trasforma nel mio mondo.
Il gioco più bello per me è guardare il mio mondo.
Peccato che io debba farlo da sola.



giovedì 1 aprile 2010

venerdì 22 gennaio 2010

giovedì 21 gennaio 2010

martedì 19 gennaio 2010